Migrants, jazz in viaggio tra speranze e odissea

migrants musicheculture giuseppina brandonisioUno spettacolo multimediale nato con lo scopo di coinvolgere e spingere il pubblico a riflettere sul tema della migrazione. Il progetto ideato da Nicola Sergio, pianista jazz che da anni vive a Parigi, e da Nino Cannatà esplora il tema del viaggio, dell’approdo e dell’accoglienza e racconta attraverso la musica e le immagini i migranti di ieri e di oggi, del loro bagaglio, fatto di speranze e di odissee, di memorie antiche e di nuove vite e nuove storie da costruire in paesi lontani e sconosciuti dove piantare nuove radici. Migrants è un album, uno spettacolo live e un tour europeo che farà nuovamente tappa in Italia il prossimo 4 giugno, all’Anfiteatro Jazz Festival di Lucca. Il 5 febbraio prossimo, invece, Migrants sarà in scena a Parigi (al New Morning, al nr. 9 di Rue de Petites Écuries) e in quell’occasione, special guest della serata sarà lo scrittore e regista Atiq Rahimi, vincitore nel 2008 del premio letterario Goncourt, e nel 2004, premiato al Festival di Cannes per Terra e cenere.

Ulteriori informazioni, sul sito di Nicola Sergio: http://www.nicolasergio.com/

Precedente Uross, Ovunque è la bellezza che non vedi Successivo Il Divo Nerone - opera rock italiana

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.