Kerigma – cantastorie in nome di Gesù

kerigma musicheculture foto Kerigma: anticonvenzionali, Christian Music, Pop-Rock. Originali nello spirito della preghiera, fanno dei loro vangeli la canzone di Dio. Hanno una speranza segreta: fare musica diretta. Praticano l’evangelizzazione tenendo concerti. Dunque suonano decisamente da Dio, e per chiunque possa ascoltarli.

Sono genuini, freschi, assai demagogici nella ricerca del perdono per sé stessi, perché Anna Torraca è una cantante da piano bar che dà il meglio di sé sulle note leggere e del rhytm ‘n’blues; Piero Miloro, il tastierista, si concede al soul e al prog più spesso di quel che si dica; Emiliano De Angelis è un ingegnere del suono rigorosamente divino; Francesco Fedele è un fedele della batteria, di quella che suona energicamente in favore del proprio credo religioso, autore suo malgrado di canzoni che incarnano lo spirito di Dio e del nostro tempo; Danilo Chiavari è un chitarrista più rock che il solito, ma porta assoli e morbidi arpeggi sul palco e sull’altare; Stefano Bruno imbraccia il basso nello spirito della preghiera e dell’evangelizzazione, eppure si dice che in passato abbia costruito la propria cappella sul suolo dei divini del rock inglese; Attilio Carboni, voce del gruppo, è autore delle canzoni, come Francesco Fedele, avrebbe chiesto a Gesù di farsi interprete e testimone del suo messaggio, ma per il perdono dei suoi peccati Dio lo ha trasformato in un autore di ampio respiro, in un cantante confidenziale, un musicista che conosce il registro della fede nel Signore e quello della musica di consumo, ma di qualità. Come la carezza di Dio a un cantautore leggiadro, Attilio avrebbe fatto di Gesù una grande confidenza per tutti, credenti e miscredenti, fedeli all’altare divino e al solco del vinile, alle atmosfere di una chiesa pop, di un CD e di una radio.

Perciò quella dei Kerigma è una musica speciale, non scherza, perché è diretta all’anima cristiana e al cuore degli uomini comuni, affinché si sappia che in ognuno di noi, anche in chi non lo sospetti, nasce e dimora lo spirito di Dio. La speranza degli uomini di Dio è che questo spirito rinasca nella pace, si rispecchi nella fratellanza in nome dell’amore, per la libertà della vita e il perdono di sé. Il pop-rock dei Kerigma è un discorso tutto rivolto all’umanità in cammino. In questa musica attuale e di ispirazione cristiana si può riscoprire la parte migliore di sé rivolta al Vangelo. Hanno per questo gli anni attuali di Gesù. Kerigma è una parola che in greco significa “annuncio” ed è, nei fatti, la prima esperienza di Dio, fattosi uomo sulla terra nel nome di Gesù, che salva gli uomini nel ricondurli a sé nel bene, con la predicazione, la morte e la resurrezione alla vita. Gesù è ricordato dal mondo per la sua testimonianza di fedeltà a Dio, coraggio che spezza le catene di un peccato che imprigiona il cuore dell’uomo quando egli crede che non ci sia più alcuna via d’uscita che lo salvi dai propri misfatti esistenziali, che concede il perdono con un atto di misericordia perché sia l’uomo a ritrovare l’umanità e la pace, la speranza, la fiducia in sé stesso e nel domani. Cantano l’amore di Dio i Kerigma, che è il dono più grande, l’amore che è nella fraternità degli uomini, l’esempio più alto di rispetto e di fiducia che Dio ha per noi, nell’uomo che non perde mai la capacità di agire bene e di scegliersi nel bene con Cristo, con le proprie azioni, ricondotte anche con un solo gesto, alla scelta del perdono di sé stessi, alla bontà, che è infinita nella misericordia di Dio, alla speranza, alla capacità di rialzarsi dopo ogni dolore, caduta, sconfitta. Hanno testi particolari, vividi nella fede, e la vicenda di Gesù in note e versi, ma si tengono lontani dai cliché della Christian Music. Protagonista di una serata al Circolo Valcanneto di Cerveteri lo scorso 16 luglio, la musica dei Kerigma ha emozionato, ricondotto allo spirito della preghiera e all’allegria di condividere canzoni, spaccati divertenti – grazie alla simpatia dei musicisti – momenti di riflessione sul senso della vita che si sono legati anche ai recenti fatti di Nizza con una dei momenti più solenni della serata,  attraverso uno dei brani più rappresentativi del gruppo,  “Verrà un giorno”, estratto dall’album “Liberi”. I Kerigma sono insieme dal 1995 e hanno pubblicato due album:  il già citato “Liberi” e “Quando l’esperienza si fa musica”. Il loro sito ufficiale è: www.kerigma.it, qui si possono trovare maggiori informazioni sui loro progetti, l’elenco dei brani dei loro CD e altre news.

About musicheculture

Musicheculture, sito di informazione, storia, attualità e cultura musicale diretto Giuseppina Brandonisio,