L’avanguardia di Coltrane

Ascension (1965) è il primo singolo di John Coltrane, ben ancorato all’avanguardia e al free jazz. I lunghi assoli, l’atnonalità, il disegno ritmico apparentemente libero, spazzano via tutte le regole del jazz, dettandone di nuove. Gli assoli blues, abrasivi ed intriganti si devono ad un gruppo di musicisti davvero eccezionali: tre tenori (Trane, Pharoah Sanders, Archie Shepp), due contralti (Marion Brown, John Tchicai), due trombettisti (Freddie Hubbard, Dewey Johnson), due bassisti (Art Davis, Jimmy Garrison), al solitario McCoy Tyner, su pianoforte, e Elvin Jones alla batteria.

John Coltrane – Ascension (1965)

1. Ascension – Edition II (40:23) 2. Ascension – Edition I (38:31)

Credits Bass – Art Davis , Jimmy Garrison Drums – Elvin Jones Mastered By – Kevin “Mirabile Dictu” Reeves* Other [Original Liner Notes] – A. B. Spellman Other [Reissue Liner Notes] – Lewis Porter Photography [Original-lp Photographs] – Chuck Stewart Piano – McCoy Tyner Producer [Original Recordings] – Bob Thiele Recorded By – Rudy Van Gelder Saxophone [Alto] – John Tchicai , Marion Brown Saxophone [Tenor] – Archie Shepp , John Coltrane , Pharoah Sanders Trumpet – Dewey Johnson , Freddie Hubbard

Registrato il 28 giugno 1965 al Van Gelder Recording Studio, Englewood Cliffs, New Jersey.

Precedente Hendrix alla moda, Morrison per la gloria del blues Successivo Kinks: BBC Sessions 1964-1977

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.