Meltin pot musicale (Sanremo o non Sanremo)

Cominciando dalla Fine: Patti Smith in duetto con La casa del Vento: non parlo del Festival di Sanremo ma della collaborazione che la cantante intraprese col gruppo di Arezzo nel 2010, incidendo con loro due pezzi. Quello che vi propongo nella puntata di Music Around The world (che, se volete, potrete ascoltare lunedì mattina alle 11, su http://www.deliradio.it/), è “Ogni splendido Giorno”, la ballata dedicata a Teresa Sarti, la moglie di Gino Strada, vice presidente e volontaria di Emergency, morta nel 2009. Patti Smith, nonostante qualche battuta d’arresto e una lunga pausa dalle scene (a causa anche di un paio di lutti davvero molto grandi), non ha mai conosciuto cadute di popolarità (ma nemmeno un parrucchiere :-D) e, dopo aver fatto esplodere il protopunk, conquistata la corona di regina del genere e l’alloro di poetessa del rock, ha cavalcato le onde del populismo e poi dell’impegno: per l’Africa, per Emergency e via dicendo. Con i La casa del Vento, in italiano, canta molto poco, però ha imparato a dire: O – GNI – SPLEN – TI- DOUUU – DAY. Ed ora va al Festival di Sanremo per cantare i coppia con i Marlene Kuntz. Noa: ci sarà anche lei. Questa volta non è in gara – come nel 2006 – ma in versione napoletana. Peter Gabriel non sarà sul palco dell’Ariston (lui “ha già dato” negli Anni Ottanta), ma lo metto nella prossima puntata della mia trasmissione: Passion è un disco che probabilmente, nella puntata pasquale, ci starebbe meglio. Tuttavia, poiché si parla di cover e di meltin pot musicali, The Feeling Begins (canzone estratta dal concept album realizzato nel 1989, Passion, che fece da colonna sonora all’omonimo film) è, come dire…solo l’inizio di un discorso musicale che guarda alla sperimentazione e alla rielaborazione in chiave elettronica e prog di temi musicali armeni, arabi, palestinesi, egiziani e di altri luoghi del pianeta. Interessante è il disco anche perché gli strumenti per suonarlo sono quelli tradizionali: Oriente e Occidente s’incontrano, insomma, al crocevia tra il rock e il synth. Il “padrino” della puntata è un fuori-classe che apra magnificamente la puntata: questa volta è un inglese. Canta Volare (Nel Blu dipinto di Blu) di Domenico Modugno e sono certa che non lo riconoscerete. In questa puntata ci sarà spazio anche per parlare delle iniziative che la nostra emittente sta portando avanti in collaborazione con Associazioni di Volontariato ed Istituzioni locali, a cominciare dal fatto che, essendo una radio multi-etnica. Deliradio cerca aspiranti radiofonici (DJ, conduttori, speaker, giornalisti, esperti di marketing o semplici apprendisti) perché sta aprendo un nuovo studio nel quartiere romano di Tor Tre teste.

PLAYLIST 1 David Bowie – VOLARE 2 Jivan Gasparyan, Brian May Peter Gabriel – The Feeling Begin 3 Ladysmith Black Mambazo Des’ree – Ain’t no sunshine 4 Noa – Torna a Surriento 5 PATTI SMITH CASA DEL VENTO -Ogni splendido giorno (Splendid day)- Live in Milano 12 09 2010

Precedente Deliradio meets Rok'n Park Successivo Non riesco a sfuggire a Sanremo

Un commento su “Meltin pot musicale (Sanremo o non Sanremo)

  1. Pingback: Tra classica, rock e world music, la Passione di Cristo in musica

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.