Namie dopo lo Tzunami: Google Street aggiorna le immagini

namieNamie, città della prefettura di Fukushima è la città giapponese più colpita dal disastro. Prima il terremoto, poi lo tzumami che ha causato la fuga radioattiva dalla centrale nucleare vicina, hanno costretto gli abitanti ad abbandonarla e le amministrazioni locali a vietarne il ritorno e la circolazione. Gli sfollati non hanno dunque il permesso per tornare nelle loro case a recuperare i loro oggetti personali e così il Sindaco di Namie ha chiesto a Google Street View di aggiornare le foto della città mostrandone l’aspetto attuale. Le Google Car hanno percorso così le vie della città abbandonata fotografandole. Google ha realizzato anche un sito web apposito, Memorie per il Futuro, che mostra le immagini delle zone colpite dal disastro prima e dopo gli avvenimenti del marzo 2011. Entro l’estate, il processo di decontaminazione dell’area sarà concluso. Ma già dal prossimo maggio gli evacuati potranno tornare a Namie per una breve visita. L’iniziativa promossa da Google segue a circa 2 anni di distanza dall’evento che inaugurò le campagne di sensibilizzazione dedicate a Fukushima: il Fukushima Game Jam.

47 musicisti e attori giapponesi (47, quanti sono i distretti di Fukushima) realizzarono “I Love You, I Need You”, il video- tributo che fece da colonna sonora alle iniziative di solidarietà.

Precedente TRa rock and roll, jazz, ironia, teatro e cabaret. Enzo Jannacci è andato via Successivo La musica dei videogames - miscellanea

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.