The House of the Rising Sun compie 50 anni

the animal musichecultureCinquant’anni fa – esattamente il 5 settembre 1964 – gli “Animali” inglesi conquistarono la scena musicale mondiale con una canzone del XVII secolo. Loro, gli Animals,  per niente preoccupati della “beatle mania” che ormai imperversava nel mondo, si piazzarono in vetta alle classifiche statunitensi con il singolo “The House Of The Rising Sun”.

La ballata folk che noi tutti conosciamo, che conta numerose cover nella storia del rock, prende il titolo dal nome di un bordello di New Orleans (La Casa del sole nascente) e la sua melodia è un mix di musiche tradizionali inglesi del Seicento, tra cui “Lord Barnard And Little Musgrove” – nota anche come “Matty Groves” – e narra di un ragazzo e di una storia tragica di adulterio.

Negli anni ’60 il rock recupera il brano. Il testo esiste in due versioni: ha un protagonista maschile e uno femminile- Eric Burdon degli Animals ha il merito di averla portata al successo ma a ripescarla dal repertorio tradizionale è stato Pete Seeger. Bob Dylan inserì “The House Of The Rising Sun” nel suo primo album, omonimo, uscito nel 1962. A cantare la versione al femminile è stata per prima Joan Baez. La cover italiana è di Riki Maiocchi. Ma Eric Burdon, Hilton Valentine e Alan Price decidono di farne una cover: loro avevano probabilmente ascoltato la versione di Dylan (nel disco accreditata a Josh White) e forse anche quella di Lonnie Donegan, il musicista inglese “re dello skiffle”, che ne aveva pubblicato una versione con chitarra elettrica e batteria nel 1958. Insieme agli altri due componenti degli Animals – il bassista Chas Chandler e il batterista John Steel – il cantante Burdon, il chitarrista Valentine e l’organista Price entrano in studio per un’incisione e ne escono con un grande successo. Perché Dylan aveva già inciso la canzone nel suo album folk: una versione leggermente accelerata e suonata solo con la chitarra acustica. Ma saranno l’organo di Alan Price e la voce intensa e acuta di Eric Burdon a consegnare “The House Of The Rising Sun” alla fama planetaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.