The Mighty Mocambos, ed è ancora soul

the mighty mocambos 23 musicheculture giuseppina brandonisioQuanti amori sono nati sulle piste da ballo, stretti e intrecciati con le note di Otis Redding o di Percy Sledge? Tanti, tantissimi, innumerevoli. Lo sanno i Mighty Mocambos, di Amburgo, che con il loro nuovo disco provano a catturare quell’antica alchimia del soul afroamericano trasferendola nelle loro canzoni. Where Do We Go From Here e B-Boy Suite In B-Flat Minor sono incisioni che mostrano un lato inedito di questo ensemble tedesco dalla vena spiccatamente funk e una produzione pensata per essere eseguita dal vivo ma anche ballata, spesso tra un dj-set e i colori della breakdance. Infatti il disco non è soltanto un CD o un mp3 ma un vero 45 giri da sfoderare e far girare sul piatto, per la colonna sonora di un momento romantico o per la pista da ballo.

Ha il suo soulman d’eccezione, Lee Fields, del North Carolina, che presta la voce in questa loro Do We Go From lee fields musicheculture giuseppina brandonisioHere, col suo carico di citazioni, ricreando quell’atmosfera che il soul reclama, non soltanto attraverso le sonorità, il timbro vocale e la musica, ma anche la stazza: l’aspetto fisico che fa assomigliare Lee Fields a James Brown,  ha il genere musicale e la sua carriera, l’insieme che ha conferito a questo cantante l’appellativo di “Little JB”. Del resto, è tipico dei Mighty Mokambos circondarsi di collaboratori eccellenti: dopo Afrika Bambaata, Donald D e molti altri artisti noti, sulla scena del loro territorio rigorosamente indie irrompe anche questo ex collaboratore della Kool and the Gang e ora degli Expression; musicista, compositore e collaboratore di Martin Solveig, che nel 2014 è stato anche addictional vocal in Get On Up, il film biografico su James Brown diretto da Tate Taylor e interpretato da Chadwick Boseman. Per tutto questo, Do We Go From Here è un brano ispiratore, per fare un tuffo nella storia più soul che ci sia, mentre B-Boy Suite In B-Flat Minor, uno strumentale, è un manifesto funk molto evocativo che si commenta da solo sin dall’attacco, una base perfetta su cui poggiare l’inizio di una nuova storia, che sia fatta d’amore o di musica, con la benedizione del “Padrino del Soul… more info Official Site

About musicheculture

Musicheculture, sito di informazione, storia, attualità e cultura musicale diretto Giuseppina Brandonisio,