Ciao Blur e Gorillaz: io divento solista – Damon Albarn

damon albarn musichecultureBritpop: c’è chi lo ama e chi lo detesta. Regno della musica scontata e delle trovate originali: come quella di Damon Albarn che fu la mente del progetto Gorillaz, la prima band completamente virtuale, coi personaggi-avatar a muoversi sul palco e i musicisti a dar loro il suono, nascosti dietro le quinte. Era il 1998 quando Damon Albarn, insieme al fumettista Jamie Hewlett, dava vita alla cartoon-band. Dopo 3 anni arrivò il brano “Clint Eastwood”, video-fumetto a effetti musicali speciali. Oggi David Albarn, leader dei Blur – band simbolo del britpop – si dà alla carriera da solista. Il futuro delle sue due formazioni è incerto. I Blur, infatti, non pubblicano un album dal 2003 (“Think Thank”, anche se, nel frattempo, sono usciti con due singoli: “The puritan” e “Under the westway”). Per quanto riguarda i Gorillaz invece, Albarn ha deciso di premere il tasto “off” e di mettere da parte il gruppo animato. “I Gorillaz sono io, le canzoni sono le mie, e io le eseguirò durante i miei concerti dal vivo. Del resto: l’avevo già fatto in passato” ha affermato il cantante che arriverà in Italia per presentare il suo primo album da solista, “Everyday Robots”. Il disco uscirà il 29 aprile. L’artista britannico sarà il 14 luglio al Vittoriale di Gardone Riviera (Bs) e il 15 all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Sul palco insieme a lui ci saranno gli Heavy Seas, una band formata dal chitarrista Seye, dal batterista Pauli The PSM, dal bassista Jeff Wootton e dal tastierista Mike Smith. Quest’ultimo, collaboratore di Albarn dal 2010, occasionalmente, aveva animato il personaggio di 2D dei Gorillaz, suonando le tastiere. Grazie al suo primo album da solista, Albarn può comunque continuare a coltivare la sua passione per la tecnologia. Infatti, il nuovo video del singolo “Lonely Press Play”, tratto da “Everyday Robots” (un titolo che, di per sé, è già tutto un programma…) è stato creato dallo stesso Albarn, col proprio iPad, montando immagini dei suoi recenti viaggi a Tokyo, Londra, Dallas, Utah, Colchester, Nord Korea, Islanda e Devon.

Né i Gorillaz, né i Blur sono ufficialmente sciolti ma Damon Albarn li ha messi in pausa per poter camminare sulla propria strada musicale.

1 commento su “Ciao Blur e Gorillaz: io divento solista – Damon Albarn”

  1. Pingback: Ciao Blur e Gorillaz: io divento solista – Damon Albarn - Musiche & Culture | Spazi, tempi ed esperienze - il sito di Gius - Webpedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.