Triska, Bbampa

triska bbampa musicheculture giuseppina brandonisioUn doppio ritorno alle radici segna il ritorno di Triska, con un album che ha gli accenti del reggae e del dialetto siciliano, un richiamo alla filosofia rastafari, all’amore, alla fratellanza, il canto di denuncia per un uomo che si rende sempre più schiavo di falsi obiettivi. Questo è il senso di Bbampa, un titolo che vuol dire “Bruciare con violenza e continuità”, ma di un fuoco metaforico, catartico e purificatore, che possa riavvicinare l’uomo all’umiltà, al suo spirito originario, alla terra. Un disco che è una sintesi ben riuscita tra l’arte e il credo di Carmelo Trischitta, il roots e le nuove espressioni musicali emergenti in Sicilia e nel Mediterraneo. Il disco è composto da 9 tracce ed è prodotto dalla EnZone Records di Giuseppe Barbera che, insieme a Triska (autore di musiche e testi), firma le musiche dei brani e suona la chitarra nel disco.

L’album è suonato dalla Jajas Band e segue l’uscita del singolo Cummattu, nato da un progetto di Triska e dei Boo Daci’s, la crew messinese con la quale Triska aveva aperto i concerti di artisti come Roy Paci, Sud Sound System, Alborosie, General Levy, Mama Marjas, Bunna (degli Africa United), Brusco e altri.

L’album vede anche la partecipazione di Dj Kollasso (scratchers in A malanvidia), Rossella D’Andrea (cori), Mimi Sterrantino (tromba e marranzano), Roberto Sparacino (flauto traverso), Ciccio “Rootsmokey” Papalia (voce in La ricerca); è mixato da Giuseppe Barbera e Sandro Curcurubo (presso gli Eye&Ear Studio); è prodotto e arrangiato da Triska, Barbera e The Jajas Band; Andrea Curcuruto ne ha curato l’artwork. triska freestyle musicheculture giuseppina brandonisioTriska, 30 anni, di Taormina, nasce come rapper nel 2002 quando incide insieme ad un suo amico, Bad One, i primi singoli. Tra il 2006 e il 2008 escono invece: 4 Rime e vai, Stai al tuo posto, La luce, La contromossa, Scelte errate e, ancora con Bad One, Melma negativa. Si esibisce col nome di Furo sui palchi e in strada e producendo beats. La musica reggae e il raggamuffin degli anni ’90 lo ispirano quando, Triska, comincia a scrivere in dialetto siciliano e ad esibirsi nel freestyle in concerti e dancehall siciliani. Dopo un periodo di pausa, nel 2011 esce il suo primo EP, autoprodotto con il marchio Zona Sicula, dal titolo Anima Sicula e contenente 5 brani (Intra sta Babilonia, La me missioni, Nenti cumparanza, Genti, Pregu);  seguono poi  i singoli: Tu dicu cu lu cori, Focu, Soru mei, Down love e Poi fari chiddu chi ti pari. Nel 2011 forma la crew coi Boo Daci’s e in seguito si esibisce con Tony Proe e con la collaborazione dell’amico rapper Jhon Zinghy. Nel 2012 Triska presenta un progetto di tre brani nati su alcuni riddm e pensati con Tony Proe  (Signora, Semu chini i musica e Canta cu ta canta). Nello stesso anno incide un brano rap dal titolo Whitouthead, insieme a Jhon Zinghy ed Emaray. Sempre a partire dal 2012 entra a far parte della scuderia “Enzonerecords” e in collaborazione con il produttore e musicista Giuseppe Barbera, compone brani inediti e si esibisce in formazione acustica con la “The Jajas Band”. L’anno successivo, ancora insieme a  Jhon Zinghy ed Emaray, pubblica Lacrime e Follia. Nel 2014 collabora ancora coi messinesi Boo Daci’s e lavora a Bbampa, il suo album d’esordio. triska traclist bbampa musicheculture giuseppina brandonisio Triska’s facebook page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.